15 luglio 2010

DOLCI PESCHE ALL'ALCHERMES E CIOCCOLATO



















E' svanito il mio periodo giallo! Nel frattempo la festa di compleanno di mio marito Andrea mi ha tenuta indaffarata nel cercare idee veloci e golose per poter offrire un piccolo buffet di dolci serale. Al rientro dal lavoro in poche ore l'esercito di cupcakes al cioccolato, ai lamponi, la schiera di pesche all'alchermes, la torta al gelato, gli aperitivi all'ananas e all' arancia/amaretto erano pronti. Mancavano solo gli invitati. Un tuffo sotto la doccia, un bel vestito, la musica e la serata è volata letteralmente, così piacevole e fresca tra le note del nostro balcone e della sala aperta a far sentire fuori le risate scoppiettanti e le grida divertite di Viola. Ricevere e creare per gli altri qualcosa di unico sembra ormai essere uno dei miei desideri più forti. Farlo per la festa di Andrea, ogni anno, mi fa stare davvero bene, perchè ogni cosa è fatta con un grande e vero trasporto. Mentre preparo penso a lui, alla grinta che mi trasmette e alla calma quando serve; penso al fatto che è un babbo meraviglioso per la Viola, che è sempre presente per noi e che possiamo contare su di lui perchè è il nostro uomo di casa! A volte mentre preparo mi commuovo, se penso che devo essergli grata per tante cose... ma si può dire così? Da moglie mi sento grata verso mio marito... o è solo unicamente puro e vero amore ritrovato?

In ogni caso Grazie, Andrea, grazie di cuore, grazie per i tuoi abbracci alla sera e le tue parole sempre opportune e misurate.

Pesche rosa, dolci, profumate come il nostro amore.

PESCHE ALL'ALCHERMES E CIOCCOLATO
(circa 20 pezzi)

250 gr di farina
70 gr di burro
70 gr di zucchero
2 uova
1 bustina di lievito in polvere

Per la colorazione
300 gr di zucchero semolato
200 gr di alchermes
100 gr di acqua

Per la farcitura
100 gr di buon cioccolato fondente al 70% di cacao
2 cucchiai di panna

Accendete il forno a 175°. Mettete in una ciotola gli ingredienti per la pasta (farina, uova, zucchero, burro e lievito) e con le dita amalgamate per bene ma delicatamente il composto. Ne verrà fuori una pasta un po' appiccicosa e morbida. Bagnate leggermente le mani e fate delle palline grandi come una noce che disporrete sulla placca rivestita di carta forno ben distanziate tra loro. Infornate per circa 20 minuti.

Nel frattempo diluite l'alchermes con l'acqua e  a parte mettete in una terrina lo zucchero. Anche se le palline sono ancora calde potete già versarle nel composto di alchermes e acqua (potete anche conservarle e farlo giorni dopo...) il tempo di colorirle. Poi tuffatele nello zucchero semolato (solo la parte esterna).

Sciogliete a bagnomaria o al microonde il cioccolato e aggiungete la panna. Fate raffreddare un po', poi prendete una metà pesca e spalmate un cucchiaino di cioccolato+panna, unite con l'altra metà. Decorate con una foglia di menta o di zucchero. Disponete nei pirottini. (conservatele in frigo, fredde sono ancora più invitanti)

10 luglio 2010

SCONES AI MIRTILLI E LIMONE

















Nonostante i favolosi limoni di Roberta siano ormai terminati, non riesco ad abbandonare questo ingrediente... complice l'estate, il colore giallo invitante, il suo profumo e la resa nelle ricette così unica!
Magari creerò una raccolta tutta dedicata al limone chissà, intanto vado avanti con le mie piccole creazioni-tentazioni! Sono a dieta ormai da 50 giorni e 6 kg mi hanno già abbandonata spero almeno fino alla prossima gravidanza (la cui voglia incombe, inutile negarlo). Non riesco a stare lontana dalla cucina. E' assolutamente necessario per me sentire il profumo degli ingredienti, toccare la loro consistenza così diversa, leggere di ricette e storie fino a percepirne l'aroma tra le pagine... è assolutamente necessario per me, adesso, rimanere con le mani in pasta. Ho messo da parte l'impastatrice nonostante i dolori ai polsi non mi abbiano mai del tutto abbandonata dopo la nascita di Viola, è tempo adesso di tornare a parlare con le mani direttamente accarezzando le preparazioni, lasciandole crescere e amalgamare tra le dita, correggendole e seguendole in tutto il loro percorso. Mi sto riprendendo del tempo. Eppure questa ricetta deliziosa di LEILA LINDHOLM che ho tratto dall'ultimo libro "Pane, dolci e biscotti" l'ho trasformata in una ricetta per chi non ha tempo. Gli scones solitamente sono grandi biscotti (si possono chiamare così delle delizie simili?) rotondi e alti con una base comune che può essere "variata con i sapori all'infinito" come dice proprio l'autrice. Per ora ho provato il gusto limone mirtilli perchè questi ultimi li avevo acquistati per una delle mie insalate ma poi decisamente hanno preferito tuffarsi in questo burroso impasto! Dicevo che ho variato la ricetta per chi non ha tempo perchè ho livellato l'impasto direttamente in una teglia e quando si è raffreddato il tutto, l'ho tagliato a fette, invece di stenderlo su un piano infarinato e fare dei cerchi con il tagliapasta, decisamente la loro vera storia, ma in quel pomeriggio sarebbe stato impossibile. Proverò con altre varianti anche se credo questa sarà sempre la mia preferita perchè... la carta forno si è tinta tutta di VIOLA!

Per una teglia 30x20 cm : circa 14 fette
(nel libro è scritto per 6 pezzi: sono davvero grandi!)

500 gr di farina 00
mezzo cucchiaino di sale
1 cucchiaino e mezzo di lievito in polvere
50 gr di zucchero di canna (io ne avrei messi un po' di più)
120 gr di burro freddo
1 uovo
200 ml di latte
100 gr di mirtilli freschi
la scorza grattata di due limoni
3 cucchiai di zucchero di canna per copertura

Preriscaldate il forno a 230°. Mescolate la farina, il sale, il lievito, lo zucchero e la buccia grattata dei due limoni. Amalgamate ora il burro tagliato a dadini con le dita e otterrete così un composto sbriciolato. Unite delicatamente i mirtilli lavati e asciugati. A parte sbattete l'uovo nel latte e amalgamate al resto degli ingredienti. Versate il tutto in una teglia rivestita di carta da forno bagnata e strizzata, siccome l'impasto avrà la consistenza di una frolla molto appiccicosa, bagnate leggermente le mani e premete senza schiacciare (attenti ai mirtilli) fino a livellare bene nella teglia. Spolverizzate con zucchero di canna. Infornate per 10 minuti o fino a quando è dorato. Lasciate raffreddare e tagliate a fette o cubetti.

06 luglio 2010

CUPCAKES MIELE LIMONE CAMOMILLA

Ultimi limoni di Roberta conservati gelosamente in frigo ormai sacrificati per gli ultimi esperimenti! Devo dire che in quest'ultimo atto anche se non hanno la parte principale, non sono i soli protagonisti, ben si sposano con i loro compagni in un dolcetto perfetto per un momento di relax! L'ultima mia passione da quando seguo molti blog made in USA sono i Cupcakes! Di recente ho acquistato un libro meraviglioso della Luxury Books "Cupcakes: piccoli lussi per il palato"dal quale ho tratto spunto per questa idea.   
                                          
Nel libro c'è una ricetta deliziosa, Cupcakes al mandarino e camomilla... amore a prima lettura, ma come fare se non è tempo di mandarini?  Semplicemente sostituendoli con i profumatissimi limoni di Roberta e aggiungendo del miele... il risultato è una vera delizia! A mio avviso avrei potuto anche lasciarli semplici semplici, senza alcuna glassa, ma la curiosità di provare questo FROSTING di Pandispagna (date un'occchiata è davvero bravissimo, mi ha stregata subito con le sue dolcezze!) era davvero irrefrenabile, ed ho fatto bene! Sto imparando nuove cose, sono sempre alla ricerca di nuove idee per mettermi alla prova, per tentare di creare quell'alchimia di profumi e di sapori che mi riportano al passato, che mi fanno rivivere attimi di vita già lontana o semplicemnte che mi permettono di condividere un attimo di dolcezza con le persone che amo di più. 

Ogni giorno una scoperta, ogni giorno nuovi sapori si fondono insieme per festeggiare quella scoperta.

CUPCAKES MIELE LIMONE CAMOMILLA

per 30 tortine con pirottini n. 5

180 gr di latte
120 gr di burro
2 bustine di camomilla Bio
180 gr di zucchero
2 cucchiai di miele di acacia
3 uova
60 gr di semolino
150 gr di farina autolievitante
1 limone Bio

Io ho usato il Frosting al mascarpone di Pandispagna, ma se volete fare come da libro... 

Per la glassa decorativa:
150 gr di zucchero a velo
1 cucchiaino di scorza di limone grattuggiata
3 cucchiai di succo di limone

Scaldate il latte in un pentolino e non fatelo arrivare a bollore, ma spegnete il fuoco e lasciatevi in infusione le due bustine di camomilla per circa 5 minuti. Intanto tagliate la buccia di mezzo limone e cercate di trarre qualche goccia di olio essenziale da far cadere nel miele. Raccogliete il succo del mezzo limone e grattuggiate la buccia restante amalgamando entrambe al miele.
Mettete insieme tutti gli ingredienti solidi [semolino, farina, burro] e aggiungete tutti i liquidi [latte ormai aromatizzato alla camomilla, miele al limone, uova], amalgamate ma non lavorate troppo (questo determina l'insuccesso nella cottura). Versate il composto nei pirottini di carta (io ho usato la misura n. 5) e cuocete in forno ventilato per 10 minuti, ma fate sempre la prova del bastoncino per vedere se sono davvero cotti. Sfornate e lasciate raffreddare su una griglia.


Se decidete di decorarli come nel libro preparate così la glassa: 


sciogliete nel succo di limone lo zucchero a velo, unite la buccia grattata e amalgamate (diventa una pasta); mettete in un pentolino a bagnomaria e lasciate che si sciolga questa pasta. Con una spatolina ricoprite i cupcakes e se volete decorate con qualche fiore di camomilla.